top of page
  • Immagine del redattore Sista

C’E’ FREDDO MA C’E’ IL SOLE: AVANTI TUTTA CON LA VITAMINA D!

Se ne parla sempre e sempre bene perchè la vitamina D o calcitriolo è un toccasana per tutti e a tutte le età!

Andiamo allora a scoprirla meglio cominciando a sottolineare che quando si parla di vitamina D si intendono due diverse sostanze che hanno funzioni molto simili: la vitamina D2, o ergocalciferolo, di origine vegetale, e la vitamina D3, colecalciferolo, che ha origine animale. Quest’ultima è quella che si forma anche nel nostro corpo, e nello specifico nella cute, dove il colesterolo endogeno viene trasformato in vitamina D3 grazie ai raggi ultravioletti del sole.

Tra le funzioni più importanti della vitamina D c’è quella di mantenere costanti i livelli di calcio e fosforo nel sangue, ruolo che svolge nell’intestino, nei reni e nelle ossa: senza la vitamina D infatti, solo il 10-15% del calcio verrebbe assorbito ma, grazie alla sua attività, l’assorbimento del calcio presente negli alimenti aumenta fino al 30% e, durante la crescita, addirittura fino all’80%.

Nelle ossa, che contengono il 99% del calcio presente nel nostro corpo, la vitamina D controlla l’azione di cellule chiamate osteoclasti che, se necessario, liberano il calcio presente nelle ossa.

Ma le funzioni della vitamina D non si esauriscono a livello dell’osso: la vitamina D controlla la crescita cellulare e rinforza le nostre prime barriere di difesa dall’ambiente esterno ed addirittura la sua carenza può avere conseguenze che si ripercuotono su molti apparati causando malattie tra le quali la depressione, malattie cardiovascolari e molte malattie autoimmuni . Come regolarsi dunque?

Per tutti gli individui con età compresa tra gli 1 e i 70 anni è necessario garantire un apporto giornaliero di 600 UI di vitamina D (le UI sono le unità di misura, cioè le Unità Internazionali pari in questo caso a 15 mg/giorno) e garantire, quando c’è il sole, un'esposizione delle braccia e delle gambe ai raggi del sole di 5-10 minuti che sono sufficienti per fornire, teoricamente, circa 3.000 UI di vitamina D.


E allora, forza e coraggio e concediamoci una bella esposizione al sole anche in questa fredda ma soleggiata giornata di febbraio.

Link all’articolo:



6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page