top of page

I “POTERI” DELL’ARGILLA: UNO STUDIO LA UTILIZZA PER CATTURARE L’ANIDRIDE CARBONICA DALL’ARIA

Facciamo una premessa: il processo di cattura dell'anidride carbonica in eccesso dall'atmosfera terrestre e di immagazzinamento in profondità nel sottosuolo ha l'obiettivo di ridurre gli impatti dei cambiamenti climatici. Questa anidride carbonica potrebbe essere catturata da centrali elettriche che bruciano combustibili fossili o da altri impianti industriali come i forni per cemento, o direttamente dall'aria

Il team guidato dall'ingegnere chimico Sandia Tuan Ho ha immaginato dispositivi a base di argilla bagnata da utilizzare come “spugne” per assorbire l'anidride carbonica in eccesso e conseguentemente per immagazzinarla.

Oltre ad essere economica e ampiamente disponibile, l'argilla è anche stabile e ha un'elevata superficie: è composta da molte particelle microscopiche che a loro volta hanno crepe (nanopori) circa centomila volte più piccole del diametro di un capello umano . I prossimi passi del progetto saranno l'utilizzo di simulazioni ed esperimenti di dinamica molecolare per capire come far uscire l'anidride carbonica dal nanoporo.


Link all’articolo:



7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page