top of page

IL TEMPO E’ SEMPRE UGUALE? NO, LA SUA PERCEZIONE VARIA CON L’ETA’

La percezione del tempo varia con il variare dell’età ed un esempio su tutti lo offre l’estate: mentre le estati della nostra infanzia sembravano durare per sempre, gli stessi tre mesi ora sembrano volare via in un batter d'occhio.


Nella ricerca è stato sottoposto un test a tre gruppi di persone (età 4-5 anni; età 9-10 anni e 18 anni e oltre) e l’interpretazione del risultato ha previsto il necessario apporto di concetti, come l’euristica, introdotti dalle scienze cognitive e comportamentali perché il cervello non ha né un orologio centrale affidabile né una mappatura sensoriale diretta legata al concetto di “durata”. Leggendo l’articolo è possibile poi comprendere le “strutture” che determinano la differenza di percezione del tempo tra bambini in età prescolare e quelli. in età scolare perché è solo all'età di circa 6-10 anni, i bambini imparano il concetto di "tempo assoluto".

Link all’articolo:



1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page