top of page
  • Immagine del redattoreSista. .

SUCCESSO AI NELLE EMAIL: MENO DELLA META’ DEGLI UTENTI RICONOSCE QUELLE GENERATE ARTIFICIALMENTE

I consumatori hanno difficoltà a individuare la differenza tra le e-mail scritte da esseri umani e quelle costruite dall'intelligenza artificiale. Ad annunciarlo e’un recente sondaggio sulle comunicazioni del marchio AI, commissionato dallo specialista di email marketing Instiller , a seguito della crescita esponenziale di strumenti in linguaggio AI come ChatGPT.

L'azienda voleva sapere se il marketing generato dall'intelligenza artificiale è effettivamente non rilevabile e se i risultati sono significativi. Dopo aver chiesto a un gruppo di consumatori di identificare se un'e-mail è stata generata dall'intelligenza artificiale o dall'uomo, Instiller ha trovato tre risultati chiave:

  • 1 persona su 2 non è stata in grado di indovinare la differenza tra l'intelligenza artificiale e il testo di marketing generato dall'uomo.

  • La generazione Z , ovvero gli individui di età compresa tra 18 e 24 anni sono quelli che hanno indovinato correttamente più della metà delle volte (53,7%).

  • Meno di un TERZO , ovvero il 73% del campione, mostra preoccupazione per l'uso dell'intelligenza artificiale nelle comunicazioni del marchio

Articolo completo su:



4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page